Lancio dell'evento

La chef stellata Maria Cicorella ambasciatore della cucina italiana a Food & Wine in Progress

Tra gli ospiti dell’edizione 2018 di Food & Wine in progress, spiccano numerosi chef stellati di tutta Italia. Tra questi Maria Cicorella chef del notissimo ristorante 1 stella Michelin Pashà, che si trova in Puglia a Conversano, nell’area metropolitana di Bari, che riceverà il prestigioso riconoscimento di Ambasciatrice della cucina italiana dalla Federazione Italiana Cuochi.

La sua è una delle storie più affascinanti della cucina italiana. Una predestinata e a soli 8 anni si trovò a sostituire la madre, quel giorno in ospedale, per preparare il pranzo al padre: “Avevo otto anniha raccontato Maria Cicorella in una intervista di Repubblicamamma era in ospedale e io dovevo preparare per mio padre. Ricordo ancora quella domenica mattina: apro il frigorifero e trovo un contenitore con i pezzi d’agnello. Li prendo, li sistemo con le patate nella tiella, condisco il tutto e la porto da un panettiere del paese chiedendogli di metterla nel suo forno a legna. I social non c’erano, ma nel giro di due ore tutta Conversano sapeva del mio agnello. Compresa mia madre in ospedale”.

Da molti anni con la sua famiglia sono l’anima del ristorante Pashà, uno degli esempi più autorevoli di alta cucina in Puglia. Grande materia prima e massima attenzione ai prodotti del territorio che ispira i piatti in continua evoluzione di Maria, un vero e proprio maestro ai fornelli. E pensare che all’inizio, questo locale, era solo un American bar. “Tutta colpa di mio figlio Antonello che a soli diciotto anni era già un sommelier e che, alla fine degli anni ’90, volle fortemente che io e mio marito lo trasformassimo in un ristorante. Oggi è lui l’anima del Pashà”.

Anche la cucina del ristorante, per Maria Cicorella, è nata da un bisogno, una combinazione, come sempre accaduto nella sua vita: “ll cuoco doveva operarsi al ginocchio e ne aveva per qualche mese – prosegue nell’intervista di Repubblica -. Eravamo nel panico: le rate del mutuo non potevano attendere e io allora mi feci avanti: andai in cucina e da lì cominciò tutto”.

Poi una lunga formazione a Milano da Sadler e Morelli. Sacrificio, talento, grande amore per la sua terra, la Puglia, e per il ristorante Pashà che oggi è considerato uno dei gioielli della ristorazione non solo pugliese, ma anche italiana e che annovera tra i suoi clienti anche un certo Alain Ducasse: “Si presentò con un altro nome, la barba incolta e la mise da turista. Ci volle tutta la sera per riconoscerlo”. A coronare il grande lavoro di questa signora della cucina italiana, nel 2013, è arrivata anche la stella Michelin.

A Food & Wine in progress la conoscermo ancora meglio.